Cerca tra i 4655 podcast,
l'archivio delle nostre trasmisioni dal 2006

#TheOriginalToday



Oggi 17 novembre, nasceva uno degli artisti più eccezionali e brillanti della musica contemporanea:
Jeff Buckley
.


Jeffrey Scott Buckley (17 novembre 1966 - 29 maggio 1997), cresciuto come Scott Moorhead, era un cantante, cantautore e chitarrista americano.
Dopo un decennio passato come chitarrista a Los Angeles, Buckley raccolse un discreto seguito intorno al 1990 suonando cover in club, pub e locali di Manhattan, nell' East Village, come nel Sin-é, e a poco a poco concentrandosi di più su materiale proprio.
Dopo aver respinto l' interesse di diverse case discografiche, firmò con la Columbia, reclutò una band e registrò quello che sarebbe stato il suo unico album in studio, Grace, nel 1994.
Morì nel 1997 ma, da allora, è riuscito ad avere un'influenza gigantesca sulla scena musicale.
Uno dei motivi per cui si consideri Jeff Buckley un grande artista è l'onestà e il calore che ha dato; il modo in cui parlava e comunicava rivelava un'artista puro e accattivante che voleva solo fare musica e non essere sottoposto al bagliore dei media.
Jeff non era prolifico; delle dieci canzoni di Grace, ne ha scritte solo tre per conto suo. Lee Underwood, il chitarrista di Tim Buckley, ha detto una volta che Jeff ha sofferto di una inerzia creativa fin troppo riconoscibile.
"[Lui] si sentiva incerto sulla sua direzione musicale, non solo dopo aver firmato con la Columbia, ma anche prima di firmare. Non sapeva in quale direzione musicale avrebbe voluto impegnarsi, perché prendere una posizione, impegnarsi in una direzione, o persino nel comporre e poi completare con successo la registrazione di una singola canzone, era estremamente difficile per lui. Da un lato, la creatività era la sua vocazione. D'altra parte, qualsiasi gesto creativo che offriva possibilità di successo lo terrorizzava".
Per non parlare dell'ombra incombente di un padre di cui non aveva mai parlato, a cui era inevitabilmente paragonato,
La sua musica era in costante metamorfosi, al punto che, le interpretazioni dal vivo delle canzoni suonavano in modo diverso, singolare, condizionate da qualunque cosa Buckley avesse appreso o sentito tra una performance e l'altra.
Sembrava riscrivere le canzoni ogni volta.


C'è una ragione per cui Jeff Buckley sarà sempre nei ricordi e nelle influenze musicali: il suo incredibile album di debutto, Grace. Tecnicamente, è il suo unico disco in studio - stava iniziando a lavorare al suo seguito ma è morto prima di completarlo - e si pone come uno dei più grandi dischi di sempre.


Mettendo la cover di Buckley della canzone di Cohen in una categoria a parte, "Lover, You Should Have Come Over" è il capolavoro di Grace .
Jeff lo presentò per la prima volta al Sin-é quando firmò con la Columbia, attirando gli ascoltatori che in precedenza avevano dubitato della sua capacità di produrre una sua canzone decente. Allora era solo Jeff e la sua chitarra, senza la divina intonazione dell'armonium, il coro gospel, era assolutamente pura. Dal punto di vista lirico è seducente quanto triste.


Grace è il disco che continuamente viene menzionato dalle giovane band come fonte di ispirazione.
Non invecchia mai e non è mai troppo personale: tutti possono capire di cosa tratti e avere un riferimento nei testi.
È la prospettiva straordinaria e unica di un artista che stava facendo musica per le persone piuttosto che per le scene; qualcuno che era felice di creare come voleva e non scendere a compromessi o negoziare.
Quel tipo di atteggiamento e audacia non si sono tradotti in enormi vendite nel 1994 ma, cosa ancora più importante, in un grandissima eredità e nella reputazione che ha guadagnato per sempre.


"C'è la luna che chiede di rimanere / abbastanza a lungo finché le nuvole mi portino via".



Condividi

     

Commenta

ULTIMI POST