Cerca tra i 4836 podcast,
l'archivio delle nostre trasmisioni dal 2006

#TheOriginalToday

Radiorock.to The Original presents a new #theoriginaltoday by Giusy Chiara Meli
Il 15 giugno del 1979 venne pubblicato Unknown Pleasures, l' album debutto della band Inglese Joy Division, rilasciato da Factory Records .
L 'album è stato registrato e mixato in tre fine settimana consecutivi a Stockport presso gli Strawberry Studios nell'aprile 1979, ed è stato prodotto da Martin Hannett, che ha incorporato al suono una tecnica di produzione non convenzionale; come il suono di una bottiglia in frantumi o di qualcuno che mangia le patatine, la chitarra all'indietro o il suono dell'ascensore dei Strawberry Studios. Registrò dentro un bagno nel seminterrato e in Insight Curtis canta attraverso la linea telefonica in modo da poter ottenere la "distanza necessaria".
La copertina fu progettata dall'artista Peter Saville.
La Factory Records non pubblicò nessun singolo da Unknown Pleasures.
Fu ritenuto un influente album post-punk, definito uno dei migliori album di tutti i tempi da pubblicazioni come NME , AllMusic , Select e Spin .
In questo disco i ritmi sono semplici, il suono è grezzo, le melodie a volte suonano piuttosto uguali, le canzoni rigidamente strutturate, i tempi - salvo alcune eccezioni - sono abbastanza uniformi in tutto l'album.
Tuttavia qui c'è una purezza della musica che appare assolutamente ipnotica. È un album incredibile la cui sequenza di tracce sono il più vicino possibile alla perfezione.
L 'album gode di una energia propulsiva, grazie soprattutto a Peter Hook, le cui linee di basso sono spesso istantaneamente memorabili, e forniscono il corpo di tutte le canzoni.
Ian Curtis da il suo meglio nella scrittura, così profonda, che tocca l' apice in canzoni come "New Dawn Fade" e "Day of the Lords".
I testi di Ian Curtis sono la giusta spiegazione perché così tante persone adorano questo album.
Chiunque soffra o abbia sofferto di depressione capirà immediatamente cosa intende in "Disorder" quando grida "Sono andato allo spirito, ma ho perso il sentimento" e "Potrebbero queste sensazioni farmi provare i piaceri di un uomo normale?". Un momento più personale di poesia appare su "Shadowplay" che esplicitamente si occupa del sentire una disconnessione tra lui e il suo pubblico quando si esibisce, sentendosi come se fosse stato spinto a fare questo e quanto si senta patetico per non essersi rifiutato.
Che Ian si sia suicidato prima che il loro secondo album fosse pubblicato diventa sempre meno sorprendente man mano si ascolti Unknown Pleasure. Ecco un uomo abbattuto dalla depressione e dalla disperazione, già vicino alla porta della morte, nel bel mezzo della sua giovinezza.
Un ascolto straziante. Toccante, ossessionante, indimenticabile.
L' umanità non è mai stata così nuda.
Unknown Pleasures è un ascolto essenziale per tutti gli appassionati di musica, compresi quelli che normalmente potrebbero non essere interessati al mondo rock / post-punk / alternativo a cui i Joy Division sono normalmente associati.
Questo album speciale, soddisferà o supererà anche le aspettative più grandi.
Va semplicemente aggiunto che questo disco è un meraviglioso connubio di musica, testi e performance che si adattano a vicenda non solo perfettamente, ma in modo trascendentale.
Una versione in edizione limitata di "Unknown Pleasures" è uscito il 15 giugno di un anno fa, come parte delle celebrazioni del 40 ° anniversario dell'album.


Condividi

     

Commenta

ULTIMI POST