Cerca tra i 4862 podcast,
l'archivio delle nostre trasmisioni dal 2006

#TheOriginalToday


Radiorock.to The Original
presents a new #theoriginaltoday by Giusy Chiara Meli
Il 9 marzo del 1987 veniva pubblicato The Joshua Tree, il quinto album degli U2 dalla Island Records.
Prodotto da Brian Eno e
Daniel Lanois
, The Joshua Tree ha vinto il premio come album dell'anno alla cerimonia dei Grammy Award del 1988 ed occupa la posizione 27 nella lista dei 500 migliori album secondo la rivista Rolling Stone.
Usando le sonorità strutturate di The Unforgettable Fire come base, gli U2 hanno ampliato quelle innovazioni ridimensionando le canzoni ad un ambiente personale e aggiungendo un attacco più grintoso per The Joshua Tree. È una mossa che li ricollega a War, ma se War è una bomba politica esplosiva, The Joshua Tree è un viaggio attraverso le sue conseguenze, cercando di trovare il senso e la speranza nella disperazione. Ciò significa che anche negli inni dell' epica "Where the streets have no name", il desiderio "I Still Haven't Found What I'm Looking For", hanno semi di dubbio nei loro cori svettanti e le paure mettono radici in tutto l'album, sia che si tratti delle melodie acustiche scivolose di "Running to Stand Still", dell'innalzante "One Tree Hill", o dell'ipnotica "Mothers of the Disappeared". Quindi potrebbe sembrare un po 'ironico che gli U2 siano diventati delle superstar sulla scia di un disco così oscuro, ma la loro attenzione non è mai stata più chiara, né la loro musica è stata più accattivante, che in The Joshua Tree . Inaspettatamente, gli U2 hanno anche temperato il loro post-punk strutturale con influenze americane. Non solo i testi di Bono sono ossessionati dall'America, ma le influenze country e blues sono palesi in tutto il disco e vengono usate come modi per aggiungere consistenza alla musica.
Tra le canzoni eccellenti del disco, solo il goffo heavy rock e i testi portentosi di "Bullet the Blue Sky" cadono piatti.
Il risultato è un disco potente e intransigente che è diventato un successo grazie alla sua visione e alla sua melodia. Mai prima d'ora i grandi messaggi degli U2 erano così diretti e personali.
Scrive la rivista Rolling Stone il 7 maggio 1987: «La bellezza selvaggia, la ricchezza culturale, il vuoto spirituale e la feroce violenza dell'America vengono esplorati per ottenere degli effetti di fatto in ogni aspetto di The Joshua Tree; già nel titolo e nelle immagini sulla copertina dell'album, il blues e il country si mescolano chiaramente nella musica... Infatti, Bono dice che "smantellare la mitologia dell'America" rappresenta una parte importante dell'obiettivo artistico di The Joshua Tree.»
With or Without You e la versione gospel di I Still Haven't Found What I'm Looking For sono stati pubblicati come singoli ed hanno raggiunto abbastanza velocemente la vetta delle classifiche negli USA. Anche il singolo Where the Streets Have No Name ha avuto molto successo. Inoltre, In God's Country è stato pubblicato come 45 giri nel Nord America riscuotendo un modesto successo mentre One Tree Hill è uscito in Nuova Zelanda. Red Hill Mining Town, inizialmente bocciato come possibile singolo, è stato poi realizzato durante le prove del "Joshua Tree Tour". Spanish Eyes e Deep in the Heartsono uscite come lato B di I Still Haven't Found What I'm Looking For, Luminous Times (Hold on to Love) e Walk to the Water di With or Without You, Sweetest Thing, Silver and Gold e Race Against Time di Where the Streets Have No Name.
Un certo numero di canzoni uscite come "lato B" erano state inizialmente prese in considerazione per una versione "doppio album" di The Joshua Tree. Bono è stato il più grande sostenitore di questa versione estesa dell'album ma alla fine The Edge ha deciso per la versione definitiva con 11 tracce.
L'artwork dell'album è di Anton Corbijn, così come le copertine dei singoli.
Tracce
Where the Streets Have No Name
I Still Haven't Found What I'm Looking For
With or Without You
Bullet the Blue Sky
Running to Stand Still
Red Hill Mining Town
In God's Country
Trip Through Your Wires
One Tree Hill
Exit
Mothers of the Disappeared



Condividi

     

Commenta

ULTIMI POST