Cerca tra centinaia di podcast,
l'archivio delle nostre trasmisioni dal 2006


del 27/10/2017

Il 4° Episodio di Sounds & Grooves per la 12 Stagione di radiorock.to è il solito ottovolante che in circa 80 minuti vi farà passare dal viscerale espressionismo post punk dei Protomartyr alla sensibilità e al talento di due songrwiters che, sia pure in epoche diverse, hanno saputo emozionare e coinvolgere pur non ottenendo mai in vita quel successo che avrebbero meritato: Nick Drake e Elliott Smith. In mezzo c'è spazio per l'emozionale e potente messaggio degli Algiers, l'ottundente suono degli Swans, il post rock dei Cul De Sac, l'indie rock declinato in maniera sublime da Grandaddy e The Van Pelt, il ricordo di una serata meravigliosa alla Royal Albert Hall trascorsa ad ascoltare gli Who che suonavano per la prima volta in 30 anni tutto Tommy dall'inizio alla fine, uno degli album migliori di un artista totale come è stato Lou Reed per ricordarlo degnamente a 4 anni dalla scomparsa, la psichedelia liquida di uno dei migliori gruppi italiani, i Julie's Haircut. E ancora il talento di Rickie Lee Jones e di una Kristin Hersh alle prese con un palazzo abitato dai coyote e i The La's, precursori del britpop. Capovaro??? ririririvadoooo? :) download & enjoy

 





del 01/11/2013

Registrato il giorno della scomparsa di Lou Reed e dedicato a tutti i songwriters fragili, ipersensibili, talentuosi il cui talento non è stato quasi mai pari al feedback ricevuto dal grande pubblico. Da Elliott Smith a Nick Drake, passando per John Martyn e Laura Nyro, senza dimenticare gli attuali Bill Callahan e Jonathan Wilson, chiudendo poi con Tim Buckley. Buon ascolto. download & enjoy

 


del 23/10/2013

Autumn Pod: tutta colpa del Santoni e del suo articolo su Nick Drake se la parte centrale del pod è dedicata a grandi songwriters che sono anche grandi chitarristi un po' malinconici. Però non ho resistito e trovate come sempre psichedelia dell'emisfero australe, tradizioni rivisitate delle isole su a nord-ovest e elettronica astrale...
Il pischello nella foto è Jonathan Wilson.