Cerca tra centinaia di podcast,
l'archivio delle nostre trasmisioni dal 2006

del 19/07/2006

Bella internauti rock! Nonostante la logorrea mi sono cadute delle cose dal podcast, come capita con le valige troppo piene: 1) Volete morire in malo modo? Aprite lo sportello mentre vi vedo e buttate fuori il cane o il gatto per godervi le vacanze! E' da anni che voglio beccarne uno di persona, vado in moto ma ho un cric sotto la sella apposta! E se capita a voi di vedere una condotta vergognosa di questo tipo contro gli amici quattrozampe, e vi mettete in un guaio perch? anche voi fate un uso improprio del cric... contattatemi sul guestbook. Vi faccio sottoscrizioni per pagare avvocati, vi invito a cena... diventereste i miei eroi! 2) special thanks per l'allestimento del podcast:Aldo Davoli (PC hardware), Massimiliano Renzi(software, nippo-cultcha), Alessandro Pescetelli(digital recording), Stefano Budroni (analog equipment), Niki Alese (vocal clip on TRANCIO, general logistics), il traffico di Roma (inesauribile fonte di ispirazione durante le interminabili code) 3) ASCOLTARE AD ALTO VOLUME! 4) non dire se non l'hai nel sacco 5) Falcao 6) 6) 6) the number of... 7) samurai, spose x 7 fratelli, nani, le note... 8) il passerotto 9) varie ed eventuali 10) anni passati, e a buon intenditor poche parole! Enjoy the silence... Aldo.

 





del 22/06/2006

Eccomi, è incredibile come sia riuscito a sbagliare tutte le date, non ne azzecco una da quella del Muso Music Festival (14,15 e 16 luglio) a quella nella quale abbiamo, io ed una piccola pattuglia, visto il concerto dei grandissimi GANG: era il 25 aprile. Scusatemi.

 


del 19/06/2006

19 giugno 2006...si parte!!! Tocca dunque a me inaugurare questa nuova avventura del Podcast. Dopo quasi 8 anni, ci siamo ritrovati e insieme abbiamo deciso di riaccendere "radiorock". Con tutti i pro ed i contro che questa storia include. Speriamo bene!

 


Rock N Roll Time Machine

Volume 1: 1967 - Part 1
del 00/00/0000

In qualche modo il 1967 è stato l'anno di svolta della musica popolare. La Summer of Love lanciò nomi come Jefferson Airplane e Jimi Hendrix, ci fu l'esplosione della psichedelia britannica con i Pink Floyd, l'album più maturo e consapevole dei Beatles, che grazie alla loro superiore qualità di scrittura e ai mezzi tecnici degli Abbey Road Studios pubblicano uno degli album più importanti della storia della musica. Ma vogliamo parlare dell'importanza del debutto dei Velvet Underground? Con la sua copertina iconica e per tutto quello che ha significato per la musica e l'arte nei decenni a seguire. E ancora, dell'esordio di Captain Beefheart, dei Doors, dei Traffic, della scrittura di Leonard Cohen, della follia free-form dei Red Crayola. La consacrazione di Rolling Stones, Love, The Byrds, Tim Buckley, Buffalo Springfield, la radio pirata dei The Who, la satira sociale di Frank Zappa.