Login Seguici su Facebook RSS FEED - ricevi le novità del sito via RSS

PodCast

Massimo di Roma

PodRubriche

Rock N Roll Time Machine
Volume 1: 1967 - Part 1

Blog

English Tapas

News

Rancid

del 20/05/2017

Podcast del 25/09/2011
 Marco Cavalieri
Ciao, ecco il mio pod-esordio!

Commenti

  Totale commenti: 7  
postato da: Il Barone
il  25/09/2011
Beh, come inizio a me sembra.... FORMIDABILE!!!!!!
postato da: kingink27
il  26/09/2011
Benvenuto, ottimo esordio. Se è vero che il buongiorno si vede dal mattino...
postato da: Marco Cavalieri
il  26/09/2011
Grazie a tutti, troppo buoni :-)
postato da: lago.
il  30/09/2011
meraviglia!
postato da: Claudio
il  03/10/2011
Ottimo ragazzo...!!!
  AvantiAltri commenti
Commenta senza utilizzare l'account di Facebook
Email: *
(L'indirizzo e-mail è obbligatorio ma ma la Radio non lo userà e non lo divulgherà)

Inserisci il codice visualizzato qui sotto, grazie.:

 

   
   

Altri PodCast per Marco Cavalieri (In totale: 106)
18/05/2017
I nuovi di Jade Jackson, Amazons e Folkabbestia!
20/04/2017
Il podcast di (quasi) primavera!
23/03/2017
Il Podcast di primaveraaaa!
23/02/2017
I nuovi di Father John Misty, Greg Graffin e Blondie!!!
  SuccessivoAltri PodCast
Podcast pubblicati nei giorni scorsi
24/06/2017 - Fabio De Seta
First podcast of summer
23/06/2017 - SplitPod
I Depeche Mode suonano a Roma tra due giorni, meglio farsi trovare pronti...uno splitpot a cura di Ivan Di Maro e Fabio De Seta
22/06/2017 - Fulvio Savagnone
Potente Pod: dalla miseria dell'Inghilterra medievale (lasciamo stare quella odierna dei Tories) raccontata da Richard Dawson (nella foto) alla lotta per i diritti delle donne e dei neri (come se gli anni '60 e '70 fossero passati invano). In mezzo, rock--appunto--potente e delicato songwriting. Che volete di più?
20/06/2017 - Massimo di Roma
L'illusionista episodio 38 - undicesima stagione "Tu vuò fà l'Americana"
  Altri PodCastAltri PodCast
Altre PodRubriche  Sfoglia l'archivio delle podrubriche
26/06/2017 - Rock N Roll Time Machine
Volume 1: 1967 - Part 1 - In qualche modo il 1967 è stato l'anno di svolta della musica popolare. La Summer of Love lanciò nomi come Jefferson Airplane e Jimi Hendrix, ci fu l'esplosione della psichedelia britannica con i Pink Floyd, l'album più maturo e consapevole dei Beatles, che grazie alla loro superiore qualità di scrittura e ai mezzi tecnici degli Abbey Road Studios pubblicano uno degli album più importanti della storia della musica. Ma vogliamo parlare dell'importanza del debutto dei Velvet Underground? Con la sua copertina iconica e per tutto quello che ha significato per la musica e l'arte nei decenni a seguire. E ancora, dell'esordio di Captain Beefheart, dei Doors, dei Traffic, della scrittura di Leonard Cohen, della follia free-form dei Red Crayola. La consacrazione di Rolling Stones, Love, The Byrds, Tim Buckley, Buffalo Springfield, la radio pirata dei The Who, la satira sociale di Frank Zappa.
26/06/2017 - The Rock N Roll Time Machine
Vol. 1 - 1967 - dsd
20/06/2017 - Droni e Bordoni
Hot Drones - tanta italia in questo Droni e Bordoni, dagli In Zaire ai Morkobot, passando per la band che accompagnava Damo Suzuki anni fa sul palco del Circolo degli Artisti
15/06/2017 - The Moonchild
DECADES 1.6. (17) - Una notte sul piano inclinato delle quantificazioni che hanno scandito i nostri pensieri ... i suoni dell'esperienza che ci permettono di capire ..... i 70s e gli 80s ruggenti dei Led Zeppelin e dei Cult .... i 90s e i New Millenians morbidi e levigati di Everything but the Girl e Thievery Corporation .... le oscillazioni del cuore che scandiscono il delicato trascorrere del tempo ....
  Altre PodRubricheAltre PodRubriche
Licenza SIAE: 585/I/06-713 © 1997-2013 tutti i podcaster
The Original Live - Live showcase @Main Studio

Profilo

Marco Cavalieri
Amo da sempre la Radio. Da bambino, per me, la Radio era il calcio. Così, che fosse la radio da tavolo bianca con l'antenna giroscopica di nonna Maria o la mia piccola Grundig rossa verticale con le rotelline del volume e della sintonia sulla parte superiore, da piccolo per me la Radio era la scatola dalla quale uscivano le voci di Roberto Bortoluzzi, Enrico Ameri, Sandro Ciotti... e via coi risultati dei primi tempi.
Qualche anno più tardi, la Radio si lega indissolubilmente alla Musica; dapprima quella più semplice e commerciale di RaiStereoUno e RaiStereoDue, poi quella più viva e vitale delle Radio private, meglio se piccole, coraggiose e schierate. Così, ecco l'Aradio Città Uno di Roberto Brandolini e degli irresistibili stacchetti (chi non ricorda l'omino che regge l'antenna dell'Aradio Città Uno? Un mito!) e poi Radio Luna 99,3, con la dolcissima Stella che mi sveglia ogni mattina col suo sano e santo Rock'n'Roll. Nel 1992 l'incontro con un' emittente che, nel bene e nel male, cambierà per sempre il mio rapporto con la Radio. Un'emittente che, purtroppo, da molti anni si è radicalmente trasformata e che per questo motivo non nominerò. In una sera d'estate del '92, a Fregene, la voce calda e pacata di Marco Artico mi strega a tal punto da farmi pensare - per la prima volta - di poter passare dall'altra parte, di poter entrare anch'io nella scatola. Per tre anni continuo ad ascoltare le trasmissioni di Marco e di Gianpaolo Castaldo, cercando in tutti i modi di comprendere la differenza tra "parlare" e "trasmettere".
Nel 1995, il primo passo. L'emittente in questione apre una fascia informativa serale. Tre GR flash durante le trasmissioni dei miei dj preferiti. Essendo iscritto all'Albo dei Giornalisti già da tre anni, mi faccio coraggio e mi propongo, cercando di esser messo di turno principalmente il martedi ed il venerdi, per poter assistere di persona alle trasmissioni di Marco e Gianpaolo.
Nel 1997 il grande salto. Il padrone della radio liquida - da un giorno all'altro - l'intera redazione informativa, per evitare le spese necessarie al conseguimento del tesserino di pubblicista da parte di due redattrici. Personalmente (forse anche un po' stanco del fatto di dover sempre interrompere le trasmissioni di Marco e Gianpaolo con notizie di morti, feriti e sciagure varie) colgo l'occasione per passare al di là del mixer, il mio Sogno di sempre. Una settimana di affiancamento ad un dj della radio e il Sogno diventa realtà.
Nel '97 (prima dei vari "Anima mia" e "Cocktail d'amore") insieme all'amico e collega Marco Silvestri diamo vita il giovedì sera alla trasmissione "Settanta mi dà tanta" (sottotitolo: "Non c'è due senza trash"), uno spazio interamente dedicato al peggio - e non solo - degli Anni '70. Ma, nel giro di un anno, quella stessa emittente - in pratica - muore. Come tanti altri dj che prima di loro non si son voluti piegare al "nuovo corso", vengono messi nella condizione di andarsene anche Gianpaolo e Marco, nonché Giampiero, Flavia e Franz. La vecchia, storica stazione non esiste più. Fine del Sogno.
Personalmente, per amore dei tanti ed affezionatissimi ascoltatori (molti dei quali divenuti veri e propri amici anche al di fuori della radio) resisto fino al marzo del 2000. Ma quando una mattina il padrone della radio mi dice di non passare troppo spesso De Andrè perché - testuali parole - "De Andrè porta sfiga", non ci vedo più dalla rabbia. Due giorni e pongo fine, senza rimpianti e per sempre, a quella avventura.
Un salutare anno di stop.
Nel 2001 vengo contattato da una piccola ma storica emittente romana, Radio Città Aperta dove, in undici anni, ho realizzato più di 3000 interviste, ospitando in studio centinaia di gruppi e offrendo a tutti la possibilità di suonare dal vivo. L'intervista alla sorellastra di John Lennon e la partecipazione in Giurìa al Premio Tenco sono senz'altro i traguardi più importanti raggiunti, o almeno quelli che più mi hanno emozionato.
Adesso una nuova avventura, che poi forse così nuova non è. A "Radio Rock The Original", infatti, ritrovo tutti i miei amici, colleghi e maestri che dovettero abbandonare la famigerata emittente nel 1997.
Non solo il Sogno continua, ma si torna a casa.
Buon ascolto e… stay tuned!

P.S. Amo: La Radio, la Musica, gli animali, viaggiare, la California, l'Irlanda, la Formula 1, il sole, il mare, il treno, la pizza alta, la Nutella, i telefilm Anni '70, la Gialappa's, il Tetris, i vinili, l'organo Hammond. Odio: Il berlusconismo, i programmi mediaset, i razzisti, l'arroganza, l'ignoranza, chi urla, la pubblicità, l'aria condizionata, l'inverno, i Suv, le moto, Ikea, i fast food, la techno, gli mp3, le verdure, le feste comandate.
Su Facebook Spedisci una mail
 
 

Più ascoltati

I podcast più scaricati ora.

Clocca per il podcast
Ivan di Maro
 del 19/03/2013
Clocca per il podcast
Massimo di Roma
 del 19/03/2012
Clocca per il podcast
Radiorock.To - The Original
Droni e Bordoni - Back To Business Drones del 03/10/2014
Clocca per il podcast
Stefano Santoni
 del 24/03/2017
Clocca per il podcast
Marco Cavalieri
 del 19/02/2015
Clocca per il podcast
Marco Artico
 del 17/08/2016
Clocca per il podcast
Marco Cavalieri
 del 25/06/2015
Clocca per il podcast
Ivan di Maro
 del 27/06/2016
Clocca per il podcast
SplitPod
 del 07/10/2015
Clocca per il podcast
Michele Luches
 del 03/07/2013

Notifiche

Nessuna notifica

 

 

Partner di

 

Voci per La Libert 2015

 

 

Acquistale

 

Aquista le Magliette